Alta Badia - Dolomites ItalySuedtirol

it

search

Alloggio

calendar_today

Arrivo

calendar_today

Partenza

accessibility

Il territorio

L‘Alta Badia è una terra di bellezza primordiale, punto di incontro tra due mondi tra loro molto diversi

panorama-alba

Ci sono due cose che colpiscono chi visita l’Alta Badia.

La prima, immediata alla vista, è la bellezza primordiale e tripartita del paesaggio: prati dal verde brillante e puro, fitti boschi di conifere, ordinati e ben tenuti, e vertiginose pareti di dolomia, la roccia che rende uniche queste montagne. Ad est il Piz dles Conturines, che offre al sole del tramonto una tela si centinaia di metri sulla quale dipingere le note ambrate e pesca dell’enrosadira; ad ovest il Sassongher, le cui punte frastagliate e taglienti fanno da vedetta, annunciando ogni giorno la prima luce dell’alba.

produzione-formaggi-simon

La seconda peculiarità che cattura l’attenzione è meno evidente, ma non meno interessante. È il ladino, la lingua parlata dalle persone del posto. Il ladino, una delle tre lingue retoromanze esistenti al mondo è una lingua di incontro, un fossile vivo che testimonia il contatto tra due mondi tra loro diversi: la cultura latina, mediterranea e romana, e la cultura retica, alpina ed etrusco-celtica. Fonti storiche che risalgono all’età del ferro parlano di queste valli come terre d’incontro, di passaggio e di scambio, un punto di contatto tra il nord ed il sud delle Alpi.

  • niederkofler-crep-de-munt
  • andrea-bosco
norbert-prato-marmolada

Non è possibile comprendere la cultura di queste valli – passata e presente – senza considerare questi due elementi, il paesaggio e la lingua. Sono due elementi sostanziali, definitivi e interconnessi: il paesaggio determina l’ambiente, l’ecosistema, l’interazione tra persone, natura e stagioni. La lingua, antica eppure così moderna nella sua interculturalità, determina una attitudine unica: la predisposizione all’incontro ed allo scambio con culture diverse. Allo stesso tempo però, i ladini preservano intatta la profonda consapevolezza delle proprie radici culturali. Il ladino è una lingua che incoraggia la curiosità, ma non la svalutazione e la dissoluzione della propria storia di fronte ad una novità qualunque.