Alta Badia - Dolomites ItalySuedtirol

it

search

Alloggio

calendar_today

Arrivo

calendar_today

Partenza

accessibility

Le taí dla Maratona

La Maratona nel piatto - orzotto al cirmolo, gemme di abete fermentate e tarassaco

Il piatto della Maratona dles Dolomites – Enel di quest’anno, nato dalla collaborazione tra Valeria Margherita Mosca - forager, guida escursionistica ambientale, chef e amante della natura a 360 gradi, Andrea Irsara - chef locale del ristorante Stüa dla Lâ e Elena Casiraghi - esperta in nutrizione/Equipe Enervit, è stato realizzato con solo ingredienti locali, pensando ad una cucina sempre più sostenibile.

In linea con il tema della Maratona “Ciüf”, fiori, potrete assaggiare un piatto semplice, delicato, profumato ed allo stesso tempo energetico: L'orzotto al cirmolo, gemme di abete fermentate e tarassaco.

tai-maratona-2021

Si tratta di un piatto frutto della natura e degli alimenti del territorio locale: in particolare tarassaco e cirmolo si possono trovare a Corvara, nella Food Forest, la foresta commestibile o orto-bosco, coltivazione multifunzionale, composta da alberi, piante, erbe medicinali e officinali, bacche e altri frutti del bosco.

Si tratta di un sistema produttivo che cattura in modo permanente CO2 e aumenta la biodiversità alpina, migliorando allo stesso tempo la fertilità del suolo. L’orzo proveniente dal mulino di un produttore locale può contribuire al recupero delle energie (glicogeno) dopo lo sforzo, le gemme d’abete fermentate sono ricchissime in polifenoli, sostanze proprie del mondo vegetale che hanno la capacità quando assunte dall’uomo di contribuire al ripristino delle cellule danneggiate, non ultimo il tarassaco noto sin dall’antichità per le sue proprietà mediche favorisce la depurazione dell’organismo e contribuisce a una normale digestione.

Un piatto che può soddisfare la fame selettiva dello sportivo e appagare il palato, è una questione di equilibri, esattamente come in natura.

Alla realizzazione del piatto hanno collaborato

Elena Casiraghi, esperta in nutrizione - Equipe Enervit
Valeria Margherita Mosca, forager, guida escursionistica ambientale, chef e amante della natura a 360 gradi
Andrea Irsara - Stüa dla La, chef appassionato e innovativo

La ricetta

Ingredienti per 4 persone:
120 gr orzo perlato
1,5 lt di brodo vegetale
Olio d‘oliva
2 scalogno
1 bicchiere di vino bianco
80 gr Burro al cirmolo
Formaggio d‘alpeggio
Germogli di abete fermentato
Sale Pepe
Polvere di tarassaco

Preparazione:
Tagliare lo scalogno a brunoise, con un’pò di olio d’oliva sufriggerlo, aggiungiere l’orzo perlato, tostarlo bene e sfumarlo con il vino bianco, far evaporare il tutto e aggiugnere il brodo vegetale, cuocere il tutto come un risotto a fine cottura, manteccare l’orzo con burro al cirmolo e formaggio d’alpeggio, impiattarlo sul piatto spolverarlo con la
polvere di tarassaco e infine adagiare le gemme di abete sull’orzotto.