Alto Adige
Top

Cerca
alloggio

Richiesta non impegnativa

Invia

La Villa - Fanes - Pederü

15,5 km
6,4 h

Da La Villa al Fanes attraverso la Forcela de Medesc
Caratteristiche: Questa lunga, ma non difficile escursione, porta gli escursionisti nell‘affascinante e leggendario Parco Naturale di Fanes-Sennes-Braies. L‘incredibile varietà di fiori, i camosci che saltellano per ripidi pendii, i fischi delle marmotte, ma soprattutto la stupenda vista panoramica, caratterizzano il parco naturale.
Punto di partenza: La Villa – fermata autobus (1427 m)
Itinerario: Dalla fermata dell‘autobus nel centro di La Villa si scende verso est, fino al Torrente Gran Ega, si attraversa il ponticello e si sale, seguendo il sentiero nr. 12 per la Forcela de Medesc e Fanes, verso i masi Ćianins e Ćiampidel.
Proseguendo verso est, si incrocia il sentiero nr. 15 e,
procedendo in salita attraverso un bosco di abeti, si giunge ai piedi della Val de Medesc. La salita lungo la valle è faticosa ed il sentiero è spesso danneggiato da recenti temporali.
Giunti alla forcella (2530 m) (3h 30min.) si gode di un panorama fantastico su tutto l‘altopiano del Fanes con vista fino alle vette di Sennes e Braies. La discesa verso il rifugio Ütia Fanes è piacevole e si snoda attraverso i pianori, passando accanto al Lêch Parom. Seguendo sempre il sentiero nr. 12, si arriva dopo 1h 30 min ca. ai rifugi Ütia Lavarela e Ütia Fanes. Tra questi si può ammirare l‘idilliaco Lêch Vërt, nel quale si rispecchia il famoso “Parlamento delle Marmotte”, teatro delle più belle leggende ladine. Proseguendo verso sinistra sul sentiero nr. 7,
si scende a Pederü (1h 30min.) e da qui si ritorna a La Villa con l‘autobus di linea (informarsi per gli orari).
Punto di arrivo: Pederü (1543 m)
Ristoro: Ütia Fanes, Ütia Lavarela
Difficoltà: sentiero difficile
Tipo di sentiero: sentiero agevole ma ripido, richiede allenamento
alpinistico

Mappa

Profilo altimetrico

Profilo altimetrico - La Villa - Fanes - Pederü